Principato di Monaco: senza Gran Premio ma con Leclerc in pista

Evocare le emozioni parlando del Gran Premio di Formula 1 di Monaco, è cosa facile. Da sempre, le monoposto del campionato mondiale, protagoniste sulle strade nell’unico circuito cittadino, riescono a far appassionare e far sognare non solo gli appassionati di sport automobilistici ma anche gli amanti del glamour e della movida che, ogni volta, questa disciplina stimola ed alimenta. Del resto è difficile non ammirare i mega-yacht trasformati per qualche giorno in night club effimeri; i lussuosi hotel privatizzati per spettacoli e sfilate di moda; le terrazze arredate per accogliere ospiti famosi mentre i locali, sul porto di Monaco, vengono letteralmente presi d’assalto dalla fine delle gare fino al giorno successivo.

Diciamo pure che la concentrazione dei VIP va di pari passi con la fama ed il talento dei piloti. Magicamente, sempre in quei quattro giorni, si moltiplicano le supercar che rombano la sera nel centro di Monte Carlo, mentre nei lounge-bar si pasteggia con caviale e champagne millesimati. Questo è il mood del mese delle rose per il Principato di Monaco, foriero di sorprese non solo sportive che, per status e grazie al numero dei visitatori estemporanei, generano diversi milioni di euro. Secondo le nostre informazioni, per essere precisi, il circus del Gran Premio di Monaco da giovedì a domenica delle ultime edizioni, assicura un fatturato equivalente all’incirca a 23,6 milioni di euro, il 5% del PIL nazionale. Nel 2019, inoltre, è stato un anno speciale perché occasione per celebrare il 70° anniversario dalla nascita del Gran Premio di Monaco, creato grazie all’intuizione di Antony Noghes, che poi è anche il fondatore dello Automobile Club de Monaco. Questo week-end, invece, a causa dell’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del coronavirus in tutto il mondo, negli annali del Principato di Monaco potrebbe diventare storia non tanto il fatto che, per la prima volta dal 1954, non accoglie l’edizione numero 78 di questa mitica competizione, bensì perché in quei giorni il registra francese Claude Lelouch ha realizzato il suo cortometraggio intitolato “Le grand rendez-vous”.

CHARLES LECLERC Credit: © Scuderia Ferrari Press Office

Immaginato come una specie di remake di un’altra sua pellicola realizzata nel 1976 sulle strade di Parigi, qui Lelouch cambia lo scenario – perché siamo a Monte Carlo – ed il protagonista, nientemeno che il pilota monegasco di Formula 1 Charles Leclerc. Infatti domenica 24 maggio, il giovane talento percorrerà a bordo di una Ferrari il tracciato del circuito cittadino privato di altre auto. Per ragioni di sceneggiatura e di copione, Charles avrà il primato di essere l’unico pilota del Mondiale di Formula Uno a sfrecciare a bordo del suo bolide, dalle 6h45 alle 9h del mattino. In condizioni diverse, su quello stesso tracciato avrebbero dovuto transitare le 20 monoposto del Mondiale che, forse, riprenderà il 5 luglio sul circuito austriaco di Spielberg. E chi l’avrebbe mai detto che a contribuire alla realizzazione di questo cortometraggio fosse proprio l’emergenza #Covid19: basta cambiare prospettiva e le cose hanno davvero tutto un altro significato…

QE MAGAZINE 2020 #19

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlog

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close