Principato di Monaco: ai dipendenti distribuzione centralizzate di mascherine

Durante questa crisi sanitaria COVID19, come è accaduto anche altrove, riuscire a procurarsi prima il gel idroalcolico e poi le mascherine di qualunque tipo, è stata un’esperienza simile ad una vera e propria caccia al tesoro, anche nel Principato di Monaco.

Le mascherine di AMC Haute Couture di Monaco

C’è chi si è dedicato al fai da te, chi ha trasformato le proprie aziende in produttori seriali di mascherine in stoffa e chi da couturier ne ha realizzate diverse e tutte personalizzabili. Di certo sappiamo che gli imprenditori e le aziende di Monaco si sono prontamente adoperate in tale senso e, per fortuna, la penuria non ha interessato il personale medico impegnato in prima linea nella cura dei pazienti affetti da Covid19, provenienti sia da Monaco che dalle zone limitrofe. Del resto, ricordiamo anche come, in pieno confinamento, è stato necessario l’intervento del Principe Alberto II per sbloccare una grossa partita di mascherine sdoganate a Lussemburgo e scortate fino a Monaco con il benestare dei francesi. Da allora è iniziata la gara di solidarietà tra le azioni locali ed internazionali capeggiate dalla Croce Rossa di Monaco o associazioni internazionali (af esempio la Fondazione Cuomo e quella che porta il nome della Principessa Charléne), tutte impegnate a dotare l’amministrazione monegasca di mascherine utilizzate successivamente anche dalla Polizia locale. In tutto questo carosello, e lo sappiamo bene, c’è chi ci ha speculato – come è accaduto in un noto supermercato sul porto – e chi invece h a scelto di restare fuori dai giochi (certe farmacie presenti nel quartiere del Giardino Esotico di Monaco, ad esempio).

Immagine della visita di alcune membri del Governo di Monaco in una azienda tessile del Principato di Monaco (foto: copyright Dir. Com. Manuel Vitali)

Con il tempo, mentre la popolazione residente a Monaco si è rassegnata, e finalmente, sa che entro il 30 aprile tutti riceveranno la propria mascherine in stoffa (due, per l’esattezza, utilizzabili al massimo per un mese) – distribuite dal Comune di Monaco in tre mandate, a seconda dell’età dei residenti. La FEDEM, invece, in una recente comunicazione (21 aprile c.a.), informa “nell’ambito dei preparativi per il deconfinamento”, di avere un certo stock di mascherine chirurgiche destinate ai dipendenti delle aziende iscritte alla federazione di Monaco: il costo unitario è di 0,88 € (tasse escluse) e la distribuzione, immaginiamo, dovrebbe avere centralizzata allo Stadio Louis II di Monaco. Probabilmente il costo calmierato di questo dispositivo è dovuto al fatto che la stessa Fedem è intervenuta offrendo un contributo per favorire i suoi associati. Il dubbio ci è venuto perché, se parliamo delle stesse mascherine, il Governo di Monaco, invece, le vende a 1 euro tasse escluse (l’IVA da applicare è del 5,5%), come da comunicato ricevuto nel tardo pomeriggio del 23 aprile. In attesa di sapere di quali mascherine stiamo parlando, apprendiamo che “in vista della graduale ripresa dell’attività economica nel Principato e nel suo desiderio di proteggere i dipendenti dotandoli di maschere”, lo Stato di Monaco ha attivato un dispositivo che centralizza la loro distribuzione per facilitare i datori di lavoro della Principato. Si tratta di un teleservizio, attivo nei prossimi giorni sul sito web del Servizio Pubblico Imprese accessibile cliccando qui. Insomma, il nuovo slogan per Monaco, speriamo, potrebbe essere ‘più maschere per tutti’. L’importante, come abbiamo detto altrove, è indossarla correttamente e non così, come capita, soprattutto per chi è guarito dal Covid19.

QE MAGAZINE 2020 #15

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlog

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close