Principato di Monaco: generosi appelli per la Tempesta Alex e le azioni di Mission Enfance

Dopo il passaggio della tempesta Alex, che ha devastato diverse valli vicine, sono state molte le iniziative private e pubbliche che hanno permesso di venire in aiuto alle numerose vittime della catastrofe. Le donazioni raccolte dalla Croce Rossa monegasca, ad oggi, superano i 75.000 euro e su iniziativa del suo Presidente, S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco, a questa cifra è stata aggiunta la somma di 100.000 € per aiutare le valli della Vésubie e della Roya.

Allo stesso tempo si mobilitano anche altre associazione di Monaco per aiutare i sopravvissuti in Libano. Oltre alle innumerevoli iniziative promosse da ‘Les Amis du Liban’ , citiamo anche Mission Enfance che lavora in Libano da quasi 30 anni con sponsorizzazioni scolastiche, costruzione di scuole, centri educativi, formazione professionale per bambini e famiglie libanesi e rifugiati siriani. Mai, in tutti questi anni di azioni umanitarie in questo Paese, la presenza della Missione Enfance di Monaco non è mai stata così fondamentale. Di ritorno dalla sua missione umanitaria libanese, dove la miseria si diffonde ai piedi dei grattacieli del centro di Beirut, il team di Mission Enfance ha salvato centinaia di famiglie. Traumatizzati dalla violenza inaudita dell’esplosione del 4 agosto, gli abitanti della capitale libanese non dormono più. Comunicato

REHABILITATION DE 18 SALLES DE CLASSES À L’ECOLE SAINT CHARLES – BEYROUTH

“Di notte, vedo i feriti correre insanguinati per le strade che, con le mani che coprono le ferite, cercano un ospedale ancora in piedi; vedo questi bambini con il corpo trafitto da schegge di vetro, e tutti questi ciechi…” lamenta Antoine, studente dell’AUB, American University of Beirut. “Gli oculisti e tutto il personale medico di Beirut hanno lavorato come dei bulli quella notte. Ma quante persone handicappate vedremo uscire dagli ospedali adesso? “La gente di Beirut è sotto shock. L’esplosione del porto è solo una delle tragedie tra quelle vissute da tutta la popolazione libanese. Nell’ottobre 2019, la decisione del governo locale di far pagare l’uso del Whatsapp ha scatenato una tempesta di fuoco. Manifestazioni quotidiane in tutto il paese hanno chiesto la caduta del governo. Le banche libanesi, utilizzando il dollaro come valuta principale per le transazioni, consentono prelievi di soli 100 dollari a settimana. Il paese è stato dichiarato inadempiente lo scorso marzo. Da allora, i libanesi hanno subito una vera e propria discesa all’inferno. “Abbiamo subito l’esplosione, siamo rovinati e domani cosa ci può succedere? Una guerra” s’interroga Sofia, una madre del quartiere di Ashrafieh che non può più permettersi di pagare le tasse scolastiche per i suoi due figli e ha sospeso le cure per il suo cancro per sei mesi. Non lontano dall’eleganza d’altri tempi le case ottomane di Gemmayzeh, ormai devastate, con famiglie ospitate in baraccopoli che, per dignità, mimetizzano la fame per non spaventare i loro figli. Inoltre l’iperinflazione dei prezzi è aumentata di otto volte nell’ultimo anno, una classe media che ogni giorno sprofonda sempre più nell’indigenza: il 60% della popolazione libanese vive oggi al di sotto della soglia di povertà e la disoccupazione colpisce il 40% della popolazione attiva. L’ultima risorsa dei libanesi: l’aiuto umanitario. I beni acquistati da Mission Enfance di Monaco in Libano per sostenere i commercianti (riso, ceci, farina, olio, cibo in scatola, ecc.) e le offerte di denaro sono distribuiti personalmente dal team monegasco locale alle famiglie del centro di Beirut ma anche alle famiglie di Karantina, Sin el Fil, Bourj Hamoud… Inoltre le donazioni finanziarie aiutano a riparare le case ma il più delle volte non basta, come testimonia Toni “Il mio salario di meccanico è ridotto della metà e il mio capo mi dice che sono libero di andarmene”. Lui, come tanti altri, riceverà i fondi per ricomprare il suo frigorifero esploso e pagare la scuola annuale dei suoi due figli. Ogni famiglia viene visitata, i loro bisogni sono esposti, prima che Mission Enfance di Monaco paghi il suo sostegno. A Bourj Hamoud, grazie alla buona volontà dei responsabili dei nostri centri, sono stati consegnati buoni sconto per il supermercato a più di 100 famiglie elencate. Abbastanza per nutrire i loro figli per un mese. Di fronte all’indigenza dei genitori, l’associazione monegasca finanzia la scolarizzazione annuale di altri 50 studenti. Sono stati acquistati, inoltre, computer agli insegnanti e ai bambini costretti a seguire le loro lezioni online, perché il confinamento di alcune regioni del Libano lo rende necessario… Attualmente, aggiunge la nota di Missione Enfance di Monaco “stiamo riabilitando 18 aule con muri distrutti dall’esplosione nella scuola Saint Charles di Beirut, per permettere a 400 studenti di ritrovare la speranza attraverso la normale istruzione. Le nostre azioni umanitarie, sia di sviluppo che di emergenza, sono solo una goccia nell’oceano, ma contribuiscono alla sopravvivenza di questo Paese un tempo conosciuto come la “Svizzera del Vicino Oriente”. Ogni giorno le nostre squadre sono sul campo a distribuire cibo e aiuti finanziari. E ci stiamo preparando per il domani. Infatti, cosa succederà quando, come annunciato dalle autorità libanesi, prodotti come benzina, medicine o farina non saranno più sovvenzionati da uno Stato disperato? La risposta di Mission Enfance è incessante per i più indigenti. Ma può essere portata ai bambini del Libano solo grazie alla solidarietà di tutti“. PER FARE UN DONAZIONE : MISSION ENFANCE – “urgence Liban” 19, avenue des Papalins a Monaco. www.missionenfance.org

QE-MAGAZINE #26

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale – ed ora mensile – digitale in italiano del Principato di Monaco FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlog

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close

Principato di Monaco: generosi appelli per la Tempesta Alex e le azioni di Mission Enfance - QE MAGAZINE