• Senza categoria

Le riflessioni del Principato di Monaco: bye bye Dubai?

Albert CROESI, Commissario generale del Padiglione Monaco e capofila della Monaco Inter Expo – clicca qui per vedere la sua intervista – ha voluto informare l’insieme delle entità pubbliche monegasche, parastatali e tutti gli attori del settore economico e culturale del Principato di Monaco sulle riflessioni che si stanno maturando in questi giorni in merito al rinvio dell’Expo Dubai 2020.

Albert CROESI

La pandemia COVID19 in corso non preoccupa solo il presente ma anche manifestazioni future, come l’Esposizione internazionale di Dubai. Infatti le autorità organizzatrici locali hanno provveduto, nei giorni scorsi, ad confronto virtuale organizzato tra i 32 membri del comitato direttivo dei paesi partecipanti e le considerazioni in merito vanno tutte in una sola direzione. Del resto, a poco più di 6 mesi dall’apertura prevista il 20 ottobre prossimo, è evidente tutti propendano a far slittare la manifestazione nel 2021. Del resto già le Olimpiadi di Tokyo, hanno subito la stessa sorte. A tirare le somme ora deve essere il comitato esecutivo ed membri dell’assemblea del Bureau Intenational des Expositions (Bie) che, su proposta ufficiale del governo emiratino, ha anche il compito di annunciare la nuova data per l’Expo.

Prove dei pannelli di Padiglione di Monaco

Come gli altri partecipanti, anche il Principato di Monaco è ben consapevole del fatto che questa manifestazione rivesta una importanza particolare, diversa dall’Esposizione universale di Milano, ma che comunque si presuma possa attirare qualcosa come 25 milioni di visitatori da tutto il mondo. A tal proposito ha commentato così Sua Eccellenza Reem Al Hashimy, Ministro degli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti per la Cooperazione Internazionale nonché Direttrice Generale dell’Expo 2020 Dubai: “In uno spirito di solidarietà e di unità, abbiamo sostenuto questa proposta per esplorare di rinviare al 2021 l’Expo. D’altra parte, non vediamo l’ora di dare il benvenuto al mondo, che siamo sicuri uscirà di più forte e più resistente a questa sfida”. A questo punto, come ci informa la nota della Direzione della comunicazione di Monaco, deve quindi essere convalidato un accordo tra i Paesi membri del comitato direttivo dell’expo, e l’esito di questa decisione è per le prossime settimane. Al momento, la costruzione dei Padiglioni sul sito dell’Expo continua in accordo con regole di sicurezza e gesti di barriera, come è il caso del Padiglione Monaco. Nel Principato, le squadre del Monaco Inter Expo rimangono ancora mobilitate e lavorano sul regolare svolgimento dell’agenda di eventi previsti per tutta la durata dell’esposizione. “Il mondo dell’Expo – conclude la nota – è una grande famiglia e in queste particolari circostanze, l’energia collettiva sarà ancora più positiva e rivolta alla speranza, qualora si decidesse un rinvio dell’Expo per il 2021”.

QE MAGAZINE 2020 #12

QE-MAGAZINE è l’unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (FacebookInstagram e Twitter). Alla versione gratuita affianca anche una versione stampabile del magazine destinata ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale MONTECARLOBLOG

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Privacy Policy Cookie Policy