Coronavirus a Monaco: ancora altri contagiati…

La salute dei monegaschi e dei residenti nel Principato è una priorità assoluta per il governo di Monaco e lo rimarrà fino alla fine di questa pandemia globale. Questo è quanto si legge nell’ultimo comunicato diramato dalla Direzione della Comunicazione monegasca. Eppure, nonostante questa rassicurazione formale, ancora non è possibile acquistare una mascherina e nemmeno un gel idroalcolico. Ne abbiamo cercati ovunque ma nulla, nessuna possibilità. Si continua a parlare di epidemia, si fanno appelli a comportamenti responsabili ed al senso civico di ciascuno di noi per adottare il comportamento più prudente ma la maggior parte della gente ignora le regole da rispettare. A dimostrazione, nel più grande centro commerciale che si trova a Fontvieille, uno dei quartieri di Monaco, ancora domenica 15 marzo, gli avventori non erano conteggiati all’ingresso per rispettare il limite delle 100 persone autorizzate ad affollare luoghi pubblici.

Il Mercato coperto di Monaco

Stessa cosa nel mercato coperto, per quanto buona parte dei commerci fossero chiusi (era domenica). Abbiamo assistito a file di persone che compravano la pasta fresca, uno incollato all’altro, senza alcuna precauzione. Sulla piazza d’Armi, decine di bambini giocavano con gli amichetti senza problemi. Mentre ci stupivamo e documentavamo tutte queste situazioni surreali, ecco che le autorità sanitarie del Principato di Monaco vengono a conoscenza di altre 4 persone risultate positive al test Covid-19.

Piazza d’Armi, Principato di Monaco

Tuttavia, a differenza dell’Italia, la scelta strategica dell’amministrazione monegasca è di preferire il confinamento domiciliare e quindi, di tutti i nuovi contagiati, solo uno è stato ricoverata al Centro ospedaliero Principessa Grace di Monaco. “Questa politica sanitaria– sottolineano nella nota – permette di garantire il comfort del paziente preservando il più possibile le strutture sanitarie pubbliche“. Come dire che il peggio deve ancora arrivare, visto che sono stati cooptati letti anche al Cardiotoracico e all’IM2S. Ma la cosa di cui ci preoccupiamo di più è la sempre citata “indagine epidemiologica” avviata per “determinare i movimenti degli infettati negli ultimi giorni”. Ad oggi, di questi risultati non abbiamo avuto alcuna evidenza. Come però molti di voi sanno, dalla mezzanotte del 14 marzo, come è stato decretato in Francia, anche il Principato di Monaco su indicazione di S.A.S il Principe Sovrano, ha deciso di adottare una serie di misure necessarie per proteggere la comunità nazionale chiudendo fino a nuovo ordine tutti i locali aperti al pubblico che non sono essenziali per la vita del paese. Rimarranno aperti, lo ricordiamo, i negozi ed i mercati di alimentari, le farmacie, tabaccherie ed edicole, le stazioni di servizio e le banche.

Per tutti gli altri esercizi commerciali è richiesta la chiusura totale. tra questi rientrano i ristoranti, caffè, teatri, cinema, casinò e discoteche, mentre i luoghi di culto rimarranno aperti senza però alcuna funzione religiosa prevista nei prossimi tempi. Intanto, da lunedì 16 marzo, il Governo di Monaco ha istituito la chiusura degli asili e delle scuole del Principato (scuole, collegi, licei, istituti di istruzione superiore, ecc.). Ovviamente la Direzione Nazionale dell’Educazione, della Gioventù e dello Sport di Monaco, insieme al corpo insegnante, adotterà misure adeguate per garantire la continuità del servizio pubblico dell’educazione attraverso l’uso di piattaforme web. E se il lavoro a domicilio, ove possibile, permette il proseguimento delle attività economiche, rimane da risolvere il fatto che l’assalto ai supermercati continua a persistere da due giorni. In tal senso il Governo di Monaco invita tutti i residenti a non modificare le tradizionali abitudini di acquisto dei prodotti alimentari. Chissà se il buon senso riuscirà a prevalere…

QE-MAGAZINE 2020 #9

QE-MAGAZINE è l’unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (FacebookInstagram e Twitter). Alla versione gratuita affianca anche una versione stampabile del magazine destinata ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale MONTECARLOBLOG

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close