Quando una Ferrari in fiamme è più virale del Principato di Monaco

Quando nel Principato di Monaco a far notizia, per un intera giornata e quella successiva, è una delle 1337 esemplari Ferrari F40 andata in fumo a poca distanza dal cantiere che ha rubato al mare 6 ettari per diventare il prossimo eco-quartiere firmato Renzo Piano, beh, dobbiamo ammettere di essere di fronte fenomeno mediatico. Per quanto la vicenda si sia svolta verso le 16h00 di un giorno qualunque della settimana – era il 18 febbraio -, scopro che, a differenza di altri posti, quel formarsi spontaneo di gruppucoli di persone che, sgomitando, si tengono a debita distanza pur di seguire e commentare l’accaduto a Monaco non c’è. Nulla! Sarà forse perché tutto si è consumato in pochi minuti, penso: la vettura, fermandosi perché il conducente di accorge delle prime fiamme divampate dal retrotreno, in brevissimo tempo va arrosto ed evapora anche il milioncino di euro ossia il suo valore economico. Tutto in fumo, letteralmente. L’ incidente milionario, insomma, ha poi scatenato una reazione surreale sui social se non inquietante. In verità la mediatizzazione immediata del fatto è dovuta, credo, alla stata la somma del luogo dove è avvenuto il l’incidente, il Principato di Monaco, e che cosa ha coinvolto, la Ferrari, considerati entrambi simboli di opulenza, ricchezza e di prestigio. La F40, quintessenza del lusso, incenerendosi ha lasciato sul selciato dell’unica strade costiera del Principato di Monaco – avenue Princesse Grace – lo scheletro nero di quella che fu una auto mito. Questo mix, tra lo stupore e l’idea che una Ferrari di gran valore sia finita così, ha alimentato decine di articoli di fondo nelle cronache di quotidiani, soprattutto italiani.

QE-MAGAZINE 2020 #6

Contemporaneamente è diventato virale nei trends #Monaco #FerrariF40 al fianco di foto rubate o prese in prestito, postate su decine di pagine e profili social. Immancabili poi, ovviamente, i commenti di ogni genere. Ho letto di esperti che dichiaravano con assoluta certezza che l’auto sarebbe stata restaurata in meno di un anno; chi notava, invece, come fortunatamente siano rimasti illesi sia il conducente che il passeggero; e chi, come Max Biaggi, documentando tutto con una storia sul suo profilo Instagram, si è recato a qualche metro dalla carcassa dell’auto perché l’incidente è avvenuto proprio sotto casa sua, a Monte Carlo.

Nessuna immagine, invece, dell’intervento tempestivo dei pompieri monegaschi, gli eroi che in breve tempo hanno domato le fiamme lasciando litri di schiuma sotto cui giaceva la sagoma della vettura per buona parte carbonizzata. E volete sapere qual è la cosa più incredibile? Ebbene, il rogo si è consumato proprio a pochi passi delle vetrine dell’autosalone in cui svettavano decine di Ferrari…Per concludere, volendo ricorrere alle leggi di Murphy per trovare il lato comico di questo sfortunato incidente, devo convenire che Monaco è davvero speciale giacché qui, la legge di Legge di Fuller sul giornalismo, non vale affatto, visto che recita “più lontano accade una catastrofe o un incidente, più alto deve essere il numero di morti e feriti perché faccia notizia”.

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (Facebook, Instagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlog

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close