Monaco e Lussemburgo: creata una e-Ambasciata

A Lussemburgo, nel paese in cui è stato deciso di stoccare il secondo database relativo alle informazioni sensibili degli abitanti del Principato di Monaco, è stata creata una Ambasciata digitale o, meglio, una e-ambasciata. Lo riferisce una nota stampa del Governo monegasco. Riflessioni…

© SIP – JC Verhaegen

E’ stata ufficializzato lo scorso 15 luglio, con la firma del Ministro di Stato monegasco Pierre Dartout e del suo omologo lussemburghese, Xavier Bettel, l’accordo bilaterale che ha permesso la creazione di una Ambasciata virtuale, progettata e costruita, secondo quanto affermato dal delegato interministeriale per la transizione digitale di Monaco, Frédéric Genta, ‘con i nostri standard di sicurezza per garantire la sovranità dei nostri dati digitali nazionali’. I big data, secondo quanto espresso dagli esperti del settore negli ultimi anni, è il nuovo capitale su cui investire e Genta non poteva che non essere ‘compiaciuto del risultato di questo progetto che estende la diffusione di infrastrutture digitali sicure nel cloud sovrano del Principato di Monaco’. Di fatto, possedere un copia conforme della preziosa banca dati delocalizzata al di fuori del territorio monegasco significa essere doppiamente sicuri ma anche esposti: sicuri perché, in caso di problemi al sistema locale è sempre possibile ricorrere al backup messo in cassaforte nelle infrastrutture del Gran Ducato di Lussemburgo: ma anche due volte attaccabili nel caso in cui società specializzate e hacker decidano di forzare tutte le sicurezze per arrivare ad appropriarsi di dati fino ad ora inaccessibili perché stoccati il loco. Per questa ragione, aver creato una sorta di ambasciata di Monaco virtuale vorrebbe, secondo l’accordo siglato da poco, assicurare anche diplomaticamente le stesse garanzie di inviolabilità ed immunità accordate alle sedi fisiche delle ambasciate. 

© SIP – JC Verhaegen

Essendo poi la privacy dei dati presenti nella memoria dell’amministrazione monegasca, per il Governo dei Grimaldi, tra gli imperativi da assicurare ai residenti del Principato, questa prima forma di accordo bilaterale con Lussemburgo si configura come miglior strumento per rendere inaccessibili i dati stoccati nel cloud da ogni tipo di sabotaggio informatico: “Sono lieto di questo partenariato lussemburghese in quanto permette al Principato di Monaco di beneficiare di una soluzione nella salvaguardia dei dati e di attivare anche attività di prevenzione nel campo informatico’ ha detto a margine della sigla ufficiale il Ministro di Stato Pierre Dartout che, insieme ai rappresentanti del Principato, si è poi intrattenuto con i colleghi del Governo lussemburghese per discutere sul piano di rilancio economico post covid privilegiando 3 pilastri maggiori che i due paesi hanno in comune: disporre di uno Stato moderno; proporre un’economia attrattiva e durevole; e riuscire nella sua trasformazione digitale. In particolare proprio nel campo digitale, per l’occasione si sarebbe deciso di rafforzare la reciproca cooperazione costituendo un comitato ad hoc, al fine di permettere ai differenti servizi dell’amministrazione di organizzare scambi e definire i progetti comuni, con particolare attenzione allo sviluppo di applicazioni digitali a cui si riferiscono l’identità numerica ed il Cloud sovrano. 

Rimane però una nostra perplessità circa il fatto che diversi siti gestiti direttamente dal Principato di Monaco abbiamo nelle policy dei cookie l’indicazione che potrebbero verificarsi ‘il trasferimento dei dati tecnici dell’utente (vedi IP) direttamente degli Stati Uniti’. In effetti, trattandosi di servizi Google, parrebbe che una volta accettati e parametrati gli usi dei siti ma anche delle APP attribuiti allo Stato di Monaco, secondo quanto indicato dagli stessi siti (clicca qui per leggerlo), il ricorso ai (Re-Captcha) sia necessario per beneficiare di certe funzionalità o per proteggersi contro l’abuso dei nostri moduli web così come contro lo spam. Pertanto, per chi preferisce evitare questo genere di tracciamento si consiglia di ricorrere ad un VPN, un server virtuale mobile, che confonde tanto gli hacker quanto i collezionisti di dati, ovunque essi siano, anche lontano centinaia di migliaia di chilometri da Monaco. Soprattutto se si tratta di richiedere il proprio Pass sanitario monegasco (https://vaccination-covid19.gouv.mc/) oppure di utilizzare l’app Monapass che, oltretutto, potrebbe modificare o eliminare i contenuti della nostra scheda SD. Insomma, ormai per noi è un mantra, ma è sempre meglio prevenire ogni tipo di intrusione soprattutto nei nostri smartphone…

QE-MAGAZINE SPECIALE ESTATE 2021

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale – ed ora mensile – digitale in italiano del Principato di Monaco FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlogQE MAGAZINE #6 SPECIALE ESTATE 2021

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close