• Senza categoria

Mauro Marabini: “Con Alter Italia possiamo fare rete tra italiani all’estero”

​La prima edizione del convegno organizzato dall’associazione “Alter Italia”, intitolata Italia eterna, si è conclusa lo scorso 18 settembre 2022 dopo due giornate di lavori organizzate all’interno dei saloni del Palais des Ambassadeurs a Mentone, come accennato in un nostro articolo accessibile cliccando qui

Quali sono le problematiche riscontrate dagli italiani emigrati all’estero? Come viene percepita l’italianità dagli stranieri e come sodalizzare e creare sinergie tra professionisti che hanno scelto di lavorare al di fuori dell’Italia? A queste ed altri interrogativi hanno cercato di dare risposta i relatori che hanno partecipato alla prima edizione del convegno ‘Italia Eterna’ organizzato, su idea e con il contributo di due residenti italiani nel Principato di Monaco che sono l’imprenditore e filantropo Mauro Marabini e della moglie Liana, nota mecenate, storica, regista e organizzatrice di diversi iniziative (tra cui il canale televisivo tematico History Food Channel TV). Gli incontri, tenutosi nei saloni sui cui muri spiccano le opere di Jean Villeri, pittore francese di origine italiana, si sono svolti nella splendida cornice del Grand Hotel des Ambassadeurs di Mentone – che prossimamente diventerà Palace des Ambassadeurs di Mentone, n.d.r. – e hanno permesso di affrontare varie tematiche per poi concludere il ciclo d’incontri domenica 18 settembre, con una gita fuori porta (a Dolceacqua, paese che sarà gemellato con Monaco nel 2023, n.d.r.), momento conviviale che ha debuttato con la visita del Visionarium seguito da un pranzo dai tipici sapori liguri.

Nel corso dei vari interventi, moderati dal giornalista Armando Torno, i protagonisti, provenienti da varie città d’Europa ma anche dagli USA, hanno testimoniato come e in che misura l’italianità venga vissuta dai concittadini residenti all’estero e da chi ama l’Italia a prescindere dalla propria nazionalità. Quello che è emerso, in sintesi, è una esigenza comune, ossia la necessità di trovare un modo ‘non istituzionale’ per collegare e mettere in rete i vari italiani emigrati che, nonostante abbiano scelto di andare a vivere altrove, hanno a cuore la bellezza intrinseca della nostra madre Patria, ben consci che, nemo profeta in patria, è tuttora difficile vedere la piena riuscita delle potenzialità che il Bel Paese ha ancora da esprimere. In questo contesto, come in altri del resto, fondamentale riuscire a trovare una modalità ‘federativa’ in grado raccogliere per esprimere collegialmente le esigenze e necessità al comune interlocutore finale, il Governo Italiano, utile per avere un maggior peso rispetto ad istanze frammentate. Pertanto, ben consci dei limiti strutturali e organizzative delle diverse sedi consolari ed ambasciate spesso non configurate, in termine di personale e mezzi, alle necessità dei concittadini a cui fanno riferimento, ecco che tra i primi a rendersi disponibile a facilitare un dialogo tra le parti è lo stesso Marabini che con il suo blog potrebbe essere da stimolo per valicare i limiti ‘fisici’ date dalle distanze che esistono tra gli oltre 5 milioni di italiani ufficialmente iscritti all’Aire (nel Principato di Monaco se ne contano poco meno di 8400), superando così le difficoltà poste dalle distanze fisiche ininfluenti per le dinamiche della comunicazione digitale. “Poiché all’estero sono presenti eccellenze italiane non monitorate correttamente, sarebbe opportuno un censimento” ha affermato Armando Torno che ha aggiunto: “Va osservato inoltre che se in Italia la popolazione decresce, all’estero, per le diverse condizioni di vita, le famiglie italiane si comporta esattamente il contrario. Beh, questo è un fenomeno che andrebbe studiato a fondo, se non altro per capire cosa impedisca ai nostri connazionali residenti in Italia di incrementare di fatto la popolazione italiana” A ridosso delle elezioni politiche che si terranno in Italia il 25 di settembre – benché per i residenti all’estero l’invio del plico elettorale deve essere consegnato entro il 22 presso le sedi consolari e ambasciate di competenza – il convegno, pur non avendo alcuna volontà di farsi portavoce di un certo orientamento politico, è stato occasione di riflessioni su come sia importante esprimere il proprio voto in ogni occasione, soprattutto per gli italiani residenti all’estero. Esemplare è stato, in tal senso, quanto sostenuto dall’On. Simone Billi che, come molti presenti hanno ricordato, ritiene fondamentale per il candidato di qualunque schieramento un obbligo dover portare avanti le istanze degli emigrati in seno al Parlamento. E, per farlo, lo stesso Billi sostiene che colui che sceglie la politica come missione debba essere a disposizione degli elettori non solo prima delle elezioni ma soprattutto dopo. Per questa ragione Billi, ad esempio, fornisce il suo numero di telefono personale “perché la politica è un lavoro e chi ha la responsabilità di rappresentare gli italiani all’estero, come il sottoscritto ha fatto nonostante vivo da anni a Zurigo, deve essere in grado di essere credibile, mettendo a disposizione il proprio tempo, quando serve, concretamente” ha dichiarato lui stesso nel corso di un colloquio telefonico con la nostra redazione, volto a verificare questa sua affermazione che confermiamo al 100%. In fondo se tutti i politici che ci rappresentano si comportassero la stessa maniera, molto probabilmente, questa confusione ideologica e di principi cadrebbe dal principio, essendo il cittadino ed il candidato allineati su quanto è ritenuto utile per la res publica. In attesa della diffusione degli abstract e dei video del Convegno, i Marabini danno appuntamento a metà ottobre con la prima edizione del Salone della stampa estera, altra bella iniziativa di cui si sono fatti portavoce.

QE-MAGAZINE #7

QE-MAGAZINE è il primo ed unico periodico – ora mensile – digitale in italiano del Principato di Monaco  (FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Seguiteci anche su nostro canale YOUTUBE MonteCarloBlog e anche sul nostro canale Telegram Monaco Pocket

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Privacy Policy Cookie Policy