Rapporto Greco, Monaco: il rispetto delle raccomandazione non è più “generalmente insoddisfacente”

Secondo quanto pubblicato nel testo del Quarto turno di valutazione sulla prevenzione della corruzione dei parlamentari, giudici e procuratori, il rapporto intermedio di conformità di Monaco secondo il Group of States against Corruption (GRECO), adottato dal Consiglio d’Europa nella sua 88a riunione plenaria svoltasi a Strasburgo il 20-22 settembre 2021, ha concluso che il Principato ‘ha attuato in modo soddisfacente o
ha attuato o trattato in modo soddisfacente undici delle sedici raccomandazioni previste nel rapporto di valutazione benché altre cinque siano ancora incomplete. Dettagli

Più specificamente, le raccomandazioni i, iii, v, vi, da x a xvi sono state attuate o soddisfacentemente
o affrontato in modo soddisfacente, le raccomandazioni* ii, iv, da vii a ix sono state parzialmente attuato. Sono queste le conclusione del lungo rapporto pubblicato on line dal Consiglio d’Europa e dal sito del GRECO a cui il Governo di Monaco ha dato eco, secondo quando convenuto con le stesse istituzioni europee. In particolare, per quanto riguarda i parlamentari (ossia i membri del Consiglio Nazionale di Monaco, si legge nel rapporto GRECO ‘si possono segnalare progressi significativi, nell’adozione del regolamento interno del Consiglio Nazionale e delle misure di attuazione, contribuendo così a rafforzare la trasparenza del processo legislativo, in particolare per quanto riguarda la pubblicazione degli atti sul sito web del Consiglio nazionale monegasco e la certificazione delle procedure di pubblicità. Tuttavia più dibattiti pubblici dovrebbero avvenire attraverso un processo di bilancio allargato e l’organizzazione del voto delle risoluzioni. Vengono introdotte scadenze minime per i membri dell’emiciclo monegasco per quanto concerne i testi preparatori prima del lavoro in commissione. Il regolamento regola anche la condotta generale degli eletti dal popolo di Monaco in merito a regali e altri benefici e le loro relazioni con terzi, attraverso disposizioni che sono rese pubbliche e sulle quali si organizza la formazione. Il regolamento contiene disposizioni pertinenti sugli interessi privati all’inizio del mandato e su una base ad hoc durante il il processo legislativo. Esiste una procedura, con sanzioni appropriate, per monitorare e far rispettare gli obblighi di dichiarazione e gli standard di condotta, e gli organi per condurre queste procedure sono stabiliti. Tuttavia, è auspicabile che le dichiarazioni di interessi privati dei parlamentari non rimangano riservati e impiegati ma, nel contesto di un’infrazione, dovrebbe essere rese pubbliche. In generale, si nota che il deontologo del Consiglio Nazionale è chiamato a svolgere un ruolo importante per facilitare l’applicazione delle disposizioni relative all’integrità dei membri del Consiglio Nazionale di Monaco. Per quanto riguarda, invece, il sistema giudiziario, il GRECO accoglie con favore la nuova legislazione che organizza la Corte suprema e l’adozione della Carta Etica per i suoi membri, così come l’aver accolto il Compendio di principi etici e deontologici per magistrati. È anche gratificante notare che il numero di udienze pubbliche della Corte di revisione è stato esteso. Da notare anche la nuova legge sullo statuto della magistratura. La legge rafforza la posizione del Consiglio Superiore della Magistratura (HCM) come garante dell’indipendenza giudiziaria e l’applicazione dello statuto dei magistrati, accanto alla Segretario di Stato per la Giustizia. e organizza anche in modo soddisfacente la valutazione e l’auto-riferimento all’HCM in materia disciplinare, mentre si separano le funzioni di accusa e di indagine in questo settore. Tuttavia, va notato che che la composizione dell’HCM non è stata riequilibrata a favore dei giudici da loro eletti e che il suo rapporto di attività non è reso pubblico. Le procedure per la pubblicità di posti vacanti e la nomina di giudici monegaschi e francesi sono comunque più trasparenti’.

Il rapporto GRECO si conclude sottolineando che ‘un quadro permanente e coerente è stato messo in atto per gestire incompatibilità e attività parallele nei tribunali e nell’ufficio del pubblico ministero. Infine, è importante sottolineare la modifica della legislazione che fornisce un quadro e garantisce la trasparenza delle istruzioni per l’azione penale impartite dal Segretario di Stato per la Giustizia attraverso l’obbligo di una procedura scritta e motivata, da inserire nel dossier’. Pertanto, alla luce di quanto sopra, il GRECO decide che per il Principato di Monaco di non continuare ad applicare l’articolo 32 nei confronti dei membri che non rispettano le raccomandazioni contenute nel rapporto di valutazione ma, ai sensi dell’articolo 31, paragrafo 8.2, del regolamento, ‘il GRECO chiede al capo della delegazione di Monaco di elaborare una relazione sulle misure per attuare le raccomandazioni in sospeso (cioè le raccomandazioni ii, iv, vii raccomandazioni ii, iv, da vii a ix) entro il 30 settembre 2022‘.

Raccomandazioni* ii: Il GRECO ha raccomandato (i) di adottare un codice di condotta per i membri del membri del Consiglio Nazionale per regolare aspetti come la condotta generale condotta, regali e altri benefici, relazioni con terzi, e che (ii) si adottino misure per la sua attuazione pratica (note esplicative, linee guida, ecc.). (ii) si prendano misure per la sua attuazione pratica (commenti esplicativi, esempi concreti, ecc.). // iv: Il GRECO ha raccomandato di (i) introdurre un sistema di dichiarazione pubblica dei dati finanziari e interessi finanziari ed economici (reddito, attività e passività significative) per i consiglieri nazionali e (ii) considerare l’inclusione di informazioni sul coniuge e i membri della famiglia (ii) (fermo restando che queste informazioni non sarebbero necessariamente rese pubbliche) non sarebbe necessariamente reso pubblico. // vii: Il GRECO ha raccomandato che il ruolo e l’indipendenza operativa del Consiglio superiore della magistratura, riveda la sua composizione e dargli un ruolo centrale come garante dell’indipendenza e del buon funzionamento del potere giudiziario, in assunzione e gestione della carriera di giudici e procuratori // viii: Il GRECO ha raccomandato che (i) la nomina dei membri della Corte Suprema sia basato su una procedura trasparente e su criteri obiettivi adeguati e (ii) (ii) fornire loro norme adeguate sulle incompatibilità, nonché sui conflitti d’interesse e di interesse e altri obblighi relativi all’integrità. // ix: Il GRECO ha raccomandato di garantire la trasparenza nella nomina di giudici e procuratori a Monaco, distaccati o meno, sulla base di criteri chiari e oggettivi, anche per le nomine alle posizioni più alte e per i rinnovi e cessazione anticipata del distacco.

QE-MAGAZINE #7 OTTOBRE 2021

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale – ed ora mensile – digitale in italiano del Principato di Monaco FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlogQE MAGAZINE #7 OTTOBRE 2021

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close