• Senza categoria

Pavyllon Monte Carlo: alla scoperta del comptoir  gastronomico firmato Yannick Alléno

Le sorprese, a Monte Carlo, non mancano mai, soprattutto quando si tratta di ristorazione ad altissimi livelli. Lo sa bene il management della Société des Bains de Mer (SBM) che gestisce 18 ristoranti per un totale di 7 stelle Michelin a cui, forse, presto se ne aggiungeranno altre anche con la nuova proposta firmata Yannick Alléno

E’ stato come assistere ad uno spettacolo tutto da osservare, assaporare e degustare, da ripetere da soli o in compagnia. Il nuovo Pavyllon, presentato in anteprima alla stampa, lo scorso 23 aprile, ha tutte le carte per essere un format di successo, espressione dell’art de vivre parisien con un tocco rigorosamente monegasco. Nei suoi sofisticati piatti lo chef Yannick Alléno, dopo aver lavorato nel Principato per 8 anni, ha scelto di metterci non solo ingredienti a chilometro zero (Mesclun d’ici, un trionfo di profumi di campagna e sapori incontaminati di orti biologici creati a quattro passi da Monaco) ma anche quello che c’è di meglio sul mercato, e sempre di provenienza francese. “Si mangia per ristorare il corpo, seguire la propria fisiologia, rispettando le stagioni. E’ ora di finirla con questa spettacolarizzazione culinaria, bisogna ritornare all’autenticità” ha detto Alléno a margine della presentazione del suo nuovo ristorante gastronomico, completamente rivisitato dall’architetto d’interni Chahan Minassian, già ideatore del Pavyllon di Paris e quello di Ledoyen. Aperto all’interno dell’Hotel Hermitage, fin dall’entrata abbiamo potuto apprezzare in anteprima non solo gli ambienti, adatti per cene e pranzi di lavoro, ma anche gli arredamenti, le sedute comode, l’illuminazione e le salette adatte anche per riunioni familiari o per più discreti appuntamenti romantici. Molto apprezzata ed elegantemente decorato il tavolo-bancone su cui consumare il proprio pasto guardando i cuochi lavorare in equipe. E’ il concetto del comptoir gastronomico, qui interpretato con molto stile, che conquisterà probabilmente chi usa mangiare da solo. Infatti, seduti comodamente, non solo si degusta ma si assiste anche ad uno show, dove ogni mossa è armonica, coordinata, precisa fino alla realizzazione della pietanza. Per Alléna, il cliente che entra nel suo ristorante, l’esperienza deve essere totale, sentirsi coccolato, a proprio agio. E se si desidera mangiare qualcosa che non c’è nel menù, i cuochi a disposizione faranno di tutto per accontentarlo. In attesa di aprire lo stesso concept a Londra, prossimamente, lo chef ha voluto comunque ribadire l’importanza di questo ristorante, frutto di un percorso professionale, che intende ridimensionare la globalizzazione in cucina, mettendo in luce la necessità di riportare nel piatto le tradizioni locali, interpretate con estro e originalità. Per questa ragione, dell’inaugurazione del Pavyllon Monte Carlo, non possiamo che esserne entusiasti, per quanto sia molto molto probabile che i buongustai apprezzeranno, come abbiamo fatto noi, buona parte dei piatti presenti nel menu degustazione: il Monte-Carlo di 5 portate o il menu Hermitage, che mostra il meglio dell’esperienza dello chef. Certo, il costo equivale alla qualità, servizio e ricercatezza della materia prima. Tuttavia esiste anche una formula per chi ha poco tempo a pranzo (68 euro) servito in meno di un’ora, a base di quenelle di branzino, una bella blanquette di agnello primaverile e una gelatina di mango allo zafferano. Insomma, quasi per tutte le tasche (siamo sempre nel Principato di Monaco, non dimentichiamolo), ma sicuramente consigliato ad ogni palato in grado di apprezzare l’alta cucina francese senza troppo fronzoli.

QE-MAGAZINE #4 2022

QE-MAGAZINE è il primo ed unico periodico – ora mensile – digitale in italiano del Principato di Monaco  (FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Seguiteci anche su nostro canale YOUTUBE MonteCarloBlog e anche sul nostro canale Telegram Monaco Pocket.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Privacy Policy Cookie Policy