Il Principe Alberto II di Monaco in video chat con gli studenti ITER

Tra le cose, positive, che la pandemia Covid19 ha stimolato a livello organizzativo internazionale è quella di aver dato uno stimolo maggiore all’impiego di video-conferenze – note anche come video-chat – a cui neanche SAS il Principe Alberto II di Monaco si è sottratto.

Infatti, per sopperire alle difficoltà che il distanziamento fisico ha imposto per evitare la diffusione del virus, lo scorso lunedì 11 maggio 2020, il Sovrano si è collegato, direttamente dal suo Palazzo di Monaco, con i cinque studenti che stanno seguendo il biennio del post-dottorato della ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER). Per la cronaca, il consorzio ITER è stato creato nell’ottobre 2007 sotto l’egida dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), e riunisce i paesi dell’Unione Europea insieme al Giappone, Cina, Stati Uniti, Federazione Russa, India e Corea del Sud. Altri paesi e organizzazioni internazionali sono coinvolti anche attraverso accordi di cooperazione tecnica, memorandum d’intesa e associazione. L’Accordo ITER è stato firmato nel novembre 2006 e la sua organizzazione è stata ratificata da tutti gli Stati membri. Dal 2008, il Principato di Monaco si è associato a questo progetto attraverso la firma di un accordo finanziario (rinnovato nel 2018) che prevede il sostegno economico di borse di studio (è l’unico paese a farlo) dedicate alla ricerca di post-dottorato. Nel caso specifico, per il biennio che scade quest’anno ben cinque borsisti ne hanno beneficiato, potendo quindi proseguire il loro percorso di post-dottorato ITER, cosa che ha consentito a tutti loro di partecipare a una delle maggiori sfide scientifiche e tecniche del XXI secolo. Ed è proprio per confrontarsi sul loro lavoro al fianco di maggiori esperti in scienza e la tecnologia della fusione nucleare che è stato organizzato questo incontro virtuale, a cui ha partecipato il Prof. Bernard BIGOT, Direttore Generale dell’Organizzazione ITER. Durante la video chat, Bigot ha espresso la sua gratitudine a S.A.S. il Principe di Monaco per il sostegno fornito mentre il dottor Tim LUCE, Capo del dipartimento scientifico di ITER, è intervenuto per relazionare sull’evoluzione del progetto ITER. Al termine il Sovrano monegasco ha potuto quindi discutere con tutti e cinque gli studenti provenienti dall’India, Corea del Sud, Spagna, Giappone e USA) in merito allo stato di avanzamento delle loro ricerche per ITER, effettuati in base ai rispettivi settori specifici e comunque tutti indirizzati all’uso potenziale della fusione nucleare. Perché, ricordiamolo, ITER è un progetto di ricerca e sviluppo che consiste nella costruzione di una centrale a Cadarache, in Francia, e mira a dimostrare la fattibilità tecnica della fusione a freddo come nuova fonte di energia rinnovabile, affidabile e rispettosa dell’ambiente. Che poi, tutto sommato, rientra nelle strategie a medio e lungo termine del Principato di Monaco di potersene servire in qualche modo.

I 5 borsisti che hanno dialogato con il Principe Alberto II sono: Joyeeta SINHA (India); Jae-Sun PARK; Javier ARTOLA; Satoshi TOGO; Jonathan COBURN

QE MAGAZINE 2020 #17

QE-MAGAZINE è il primo ed unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco (FacebookInstagram e Twitter) che propone anche una versione stampabile del magazine digitale ESCLUSIVAMENTE agli abbonati che ne facciano richiesta. Da seguire anche i video del canale YOUTUBE MonteCarloBlog

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close