• Senza categoria

Visita ed incontri a Monte Carlo con i delegati del gruppo AELE

Monte Carlo, 5 settembre 2018. Una nutrita delegazione rappresentante il Gruppo AELE, entità indipendente del Consiglio dell’Unione Europea, è attualmente in visita di lavoro a Monte Carlo per approfittare di un ricco calendario di appuntamenti che si concluderanno il il prossimo 7 settembre. Ad accogliere gli ospiti il Consigliere-Ministro delle relazioni estere e della cooperazione, Gilles Tonelli, e a seguire, nei prossimi giorni, altri funzionari di stato per le rispettive competenze. L’iniziativa, promossa dal Governo monegasco, ha come obbiettivo quello di presentare e spiegare ai principali interlocutori europei le specificità, nonché le tipicità geografiche, demografiche che giustificano la struttura istituzionale , economica e sociale del Principato. Per i rappresentanti del gruppo di lavoro AELE (composto da diplomatici provenienti da 28 stati membri dell’UE e dai alcuni delegati del Segretariato del Consiglio e del Servizio Europee per l’Azione estera, noto come SEAE, ndr) questa non è la prima visita a Monaco in quanto una prima missione risale al lontano giugno 2013. Nel caso specifico la loro venuta a Monaco è giustificata dallo sviluppo delle negoziazioni in vista della conclusione di un accordo di associazione tra Monaco e l’UE. Sempre AELE, ricordiamo, è incaricata a gestire anche le relazioni per l’Unione Europea con la Norvegia, l’Islanda, il Liechtenstein, la Svizzera, Andorra, San Marino, le isole Féroé ed il Vaticano.

I delegati AELE non incontreranno però il Sovrano, SAS il Principe Alberto II di Monaco, in quanto, come abbiamo documentato qualche giorno fa, in questi giorni sta effettuando una visita ufficiale in Cina, testimoniata anche dalle foto pubblicate sul profilo Facebook del  Palais Princier

Nella foto, Philip Bittner, Consigliere della rappresentanza permanente dell’Austria presso l’UE, attualmente Presidente del gruppo AELE, ed il Consigliere-Ministro di Monaco Gilles Tonelli. Foto©Direction de la Communication/Manuel Vitali

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
Privacy Policy Cookie Policy