Charles Leclerc: il miglior testimonial di Monaco

Cari lettori, QE-MAGAZINE, l’unico settimanale digitale in italiano del Principato di Monaco, vi dà nuovamente il benvenuto a partire da oggi. Riprendono infatti, dopo la consueta pausa estiva, le nostre rubriche rinnovate ricche di articoli, interviste ed curiosità, senza dimenticare l’attualità di Monaco a cui, come al solito, dedichiamo le nostre prime pagine. Tra queste, approfittando dell’editoriale, vogliamo attirare la vostra attenzione sul recente fenomenale exploit del pilota monegasco Charles Leclerc che, nel breve giro di otto giorni, ha calcato il primo gradino vincendo consecutivamente due gare di Formula 1.

Charles Leclerc con il Principe Alberto II
(foto Eric Mathon /Palais Princier)

Unico nella storia, Charles è riuscito far risuonare le campane della cappella di Santa Devota, sul porto monegasco, il primo settembre scorso, mentre a Spa-Francorchamps, sul più antico autodromo del Belgio, lo stesso giovane di 21 anni brandiva la coppa, mentre l’inno nazionale monegasco ritmava lo sventolio della bandiera di Monaco issata sul pennone del circuito in suo onore. Charles, per chi non lo sapesse, ha sempre avuto la stoffa di un campione: un talento nei kart, in Formula 2 ed infine ora, come pilota rivelazione alla sua prima stagione a bordo della monoposto Ferrari, è riuscito a replicare il successo a Monza, una settimana dopo il Gran Premio del Belgio. Una Ferrari che vince sul circuito di Monza: l’ultima volta è accaduto 9 anni con Fernando Alonso. Di colpo, nel mondo dello sport e non solo, il connubio Italia e Monaco ritmano all’unisono con eccellenza (Ferrari) e talento (Leclerc). In soli otto giorni Charles è riuscito (involontariamente) a dare visibilità al Principato di Monaco molto di più che anni di comunicazione, promozioni ed investimenti pubblicitari sulla destinazione Monaco, intesa come piazza turistica e d’affari. Inoltre, fatalità, la doppietta di Leclerc accade proprio quest’anno che, sia la scuderia Ferrari che lo stesso circuito monegasco, celebrano i loro primi 90 anni. Anche sulla pagina Facebook del Palazzo dei Principi, in un post pubblicato stamane, svettano le foto di Charles e della sua famiglia, accolti l’11 settembre dal Principe Alberto II Monaco. Un atto dovuto, forse, ma anche un gesto di riconoscenza verso un membro della famiglia (allargata) dei Grimaldi che regna nel Principato di Monaco da oltre 700 anni. Esiste, in fondo, un risvolto umano di queste imprese straordinarie, e l’accoglienza al Palazzo del giovane monegasco dimostrano come il talento meriti ben oltre che una stretta di mano del Sovrano.

U Cavagnëtu: credits Mairie de Monaco

Non diversamente, anche il tradizionale picnic organizzato al Parco Princesse Antoinette dal Comune di Monaco che si è svolto, nonostante il maltempo, il pomeriggio di venerdì 6 settembre, è parte integrante del DNA del Principato. Come sempre a parteciparvi il Principe Alberto II, accompagnato dalla consorte ed i due gemellini, dalla baronessa Melanie Antoinette de Massy, alcuni membri del Consiglio comunale con a capo i Sindaco George Marsan e circa 500 cittadini. Quella dei monegaschi, vedete, è una grande-piccola famiglia che, in momenti come questi può permettersi di azzerare tutte le formalità necessarie per passare insieme qualche ora in serenità, tra concittadini, appunto. Charles Leclerc, ma anche suo fratello Arthur – pilota di gran talento che presto ci stupirà – sono diventati patrimonio nazionale del Principato di Monaco.Perché, in fondo, lo sport, oltre a quanto ha già fatto la nostra reciproca storia millenaria, riesce a generare nuovi eroi che legano a doppio filo l’Italia e questo paese governato dai Grimaldi. Ma che meraviglia, non trovate?


Come di consueto vi invitiamo alla lettura di questo numero, a seguirci anche sul sito www.qe-magazine.com e sulle nostre pagine social (Facebook, Instagram e Twitter), ricordandovi che versione stampabile del magazine digitale è disponibile ESCLUSIVAMENTE per gli abbonati che ne facciano richiesta scrivendo a ampmonaco@ampmonaco.com. Tutti i numeri di QE-MAGAZINE.COM sono sfogliabili sulla piattaforma issuu.com/ampmonaco

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this. Informations légales et Protection des données personnelles Editeur du site : AMP Monaco, Entreprise individuelle de Maria BOLOGNA, immatriculée au RCI de Monaco sous N°07P07271 dont le siège social est situè 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX. NIS 9003 B 14839 N° Intracommunautaire FR 30 00007062 2 Hébergeur du site : REGISTER.IT Directeur de la publication : Maria BOLOGNA Informations nominatives Dans le cadre de ses activités et conformément à la législation en vigueur sur la Protection des Informations Nominatives sur Monaco (Loi n° 1.165, du 23 décembre 1993, modifiée), AMP Monaco s’engage à assurer la protection et la confidentialité des données à caractère personnel des utilisateurs de ses services, ainsi qu’à respecter leur vie privée. Cepandent, en applicant ce réglementation en matière de protection des informations nominatives vous concernant, vous disposez également d’un droit individuel d’opposition, d’accès et de rectification. Vous pouvez exercer ces droits en adressant votre demande, en ligne via le portail www.qe-magazine.com ou par courrier postal adressé à AMP Monaco, Service Client - 47, Boulevard du Jardin Exotique - 98000 MONACO CEDEX

Close